Possibiltatto è un progetto rivolto al bisogno di contatto concreto e profondo tra esseri umani.

all’evoluzione dell’arte del contatto.

L’associazione AnMa propone progetti rivolti al prendersi cura delle persone nella loro interezza e umanità, includendo soggetti da forme di difficoltà quali, autismo, disabiltà motorie e cognitive, disturbi dell’attenzione o difficoltà nella socialità attraverso la pratica dello Shiatsu e la sua evoluzione per espandere le possibilità di questo metodo che diventa un percorso possibile per incontrare le persone e se stessi.

PossibilTatto – ShiAtsu e disabilità

PossibilTatto nasce nel settembre del 2022 per i bambini autistici e le loro famiglie. Questo piccolo seme di speranza trova un terreno fertile, accogliente e aperto nell’Associazione Cuori Blu Val Susa. Per circa un anno gli incontri con cadenza settimanale si svolgono presso le Oasi Blu di Susa, locali di incontro per famiglie dove poter svolgere attività psicoeducative per i propri figli in un’ottica di mutuo aiuto.
A settembre 2023 la sede si sposta ad Avigliana, dove al momento abbiamo due giovani riceventi che si affidano al potenziale dello Shiatsu.
Ciò che poteva rimanere solo un progetto su carta si realizza nel concreto: la possibilità da parte del soggetto autistico di “fidarsi e affidarsi” alla pressione contenente e rilassante dello Shiatsu.
PossibilTatto nel mese di ottobre 2023 “allarga le sue mani” verso la collina di Torino. La cooperativa sociale “La Testarda”, gli educatori e una varietà di volti che portano con sé diverse disabilità, ci accolgono in un ambiente familiare e accudente. Shiatsu è contatto rispettoso, silenzioso, un abito di sartoria “cucito” sulla persona e le sue peculiarità, questo ci permette di trovare un linguaggio comune con chi ha un diverso mezzo di comunicazione.
Il progetto con la cooperativa “La Testarda” vede all’attivo tre operatori Shiatsu professionisti del nostro Staff e 8 utenti che ogni venerdì mattina si incontrano per: alleviare, calmare, portare all’interno, imparare ad ascoltare ciò che non può uscire con le parole.